OPERA SILVIA SANNA (2)

“Controllo accessi” in mostra fino al 24 febbraio la IV edizione di Artensile

Artènsile è un concorso fotografico, ideato nel 2012 da Sabrina Canese e sostenuto dalla ditta di famiglia Canese Dante s.r.l., che mette in relazione il mondo delle ferramenta con il processo creativo di artisti contemporanei.

La ferramenta Canese Dante, con sede alla Spezia, si fa promotrice di un’indagine artistica nel settore della ferramenta quando Sabrina, a Parigi, vedendo una foto dell’artista statunitense Berenice Abbott che ritrae delle chiavi a pappagallo in un movimento ondulatorio, intuisce le possibilità di coniugare il mondo dell’arte alla sua attività professionale.

 

Se dovessimo identificare Artènsile, con delle parole chiave, quelle più giuste sarebbero: Arte, Impresa Territorio, Rete, Talenti, Recupero/riciclo, Digitale, Innovazione.
Da un’azienda del territorio che opera in un settore comune come quello della “ferramenta”, nasce un’idea nuova, un progetto, che coniuga arte e oggetti quotidiani, che recupera il valore artistico di utensili di uso comune mediante la fotografia. Un progetto che ha messo in comunicazione diversi territori – favorendo il dialogo e la contaminazione e costruendo un percorso e una rete di relazioni: dal sito Nova Cantieri Creativi di Santo Stefano Magra, al Centro di Arte e Moderna e Contemporane, alle vetrine dei negozi della città, all’autodromo di Monza – e diversi settori/mondi: un museo, una fabbrica, una vetrina di un negozio, un circuito sportivo, e infine Talent Garden di Sarzana, il co-working, luogo delle idee e dei progetti innovativi, dimostrando, così, la sua natura flessibile e la capacità di adeguarsi ai vari contesti.

Il format del concorso fotografico ha permesso l’avvicinarsi, al progetto e al mondo aziendale, di talenti e nuove competenze provenienti da tutta Italia, che con la loro arte e creatività, hanno dato una visione nuova della nostra quotidianità, una lettura diversa del “mondo impresa” che può far leva, per posizionarsi sul mercato e differenziarsi dalla concorrenza, su competenze e progetti al di fuori di classiche logiche e ratio aziendali.
Artènsile è un progetto che ha fatto del digitale la strada maestra per farsi conoscere oltre i confini territoriali locali e per richiamare l’attenzione di giovani artisti talentuosi. Definito da molti “innovativo” per la sua unicità non solo nel settore di riferimento, non si trovano casi di progetti di tale natura nel comparto, ma anche nel territorio di appartenenza.

In mostra fino al 24 febbraio le opere di Emanuele Bessone, Luigi D’Aponte, Samantha Iurato, Dimitri Magnanini, Stefano Raimondi, Silvia Sanna.

Loading...